I diffusori per oli essenziali in argilla di Alfredo Sullo

Lui si chiama Alfredo Sullo. Vive in Austria ma è italianissimo, di origini napoletane. E io gli farei un monumento! 
Nella sua bancarella vende solo OGGETTI AROMATICI “diffusori di essenze” artigianali, fatti a mano con l’argilla. Un materiale ideale per trattenere gli oli essenziali e completamente naturale. 
L’Argilla è un materiale molto particolare, che ha la caratteristica di “rigenerarsi” completamente. Cotta in forno si asciuga e indurisce ma se la sgretoliamo e le restituiamo l’acqua torna identica a se stessa. Un materiale che più di ogni altro ci indica la capacità infinitamente creativa e della vita stessa nell’auto-perpetuarsi.
I diffusori che costruisce Alfredo Sono MERAVIGLIOSI! Li plasma e li decora lui.
 
L’idea di Alfredo è davvero semplice ma molto efficace: ogni animaletto si riempie in cotone idrofilo e poi lo si impregna con gli oli essenziali. 
Si aromatizza così anche l’argilla e il profumo che rilasciano gradualmente nell’ambiente è delicato e dura diversi giorni. Soprattutto se usiamo note basse o molto intense.
Alle prime giornate vagamente autunnali la mia miscela Natalizia secondo me andrebbe benissimo: 20% Cassia, 30% Eucalipto e 50% Arancio.
 
Gli oggetti aromatici sono un mondo molto affascinate che vi invito sempre a sperimentare. La loro principale funzione è quella di consentirci un’aromaterapia emotiva costante. Graduale e continua. Esattamente come dovrebbe essere.
Gli oli essenziali, soprattutto quando ci devono supportare emotivamente, vanno assunti poco e spesso e possibilmente per via aromatica. 
Possono essere anche molto semplici. Anzi, più sono semplici e più saranno facili da portare con noi.
Se riuscirete ad integrare il loro utilizzo nella vostra quotidianità vi aiuteranno in moltissime occasioni. 
Soprattutto fuori casa quando non avete il classico diffusore con voi. In viaggio sono impagabili. Non danno fastidio a chi avete attorno ma vi salvano la vita da quei cattivi odori che a volte possono rendere un viaggio un vero inferno.Durante l’estate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Potrebbero anche piacerti

Lascia un commento