Libri e oli essenziali di fiori per migliorare la vita

Il “lavoro” che nessuno ci può togliere è quello su noi stessi, il più saggio investimento che si possa fare. Ogni giorno va portato avanti. Anche “facendo nulla” e usando “solo” la riflessione su noi stessi e sulla nostra vita. Ascoltarsi “dentro”  sarebbe la prima cosa da fare sempre. Per capire qual è la nostra vocazione, cosa ci fa stare bene e dove non ci sentiamo a nostro agio. Si ha bisogno di silenzio per entrare in noi stessi e correre disordinatamente da un affanno all’altro non ci aiuta. Quindi se anche foste a casa “a far nulla” in cerca di una occupazione. Sappiate che in realtà avete proprio la più importante a cui dedicarvi: l’ascolto interno. Si lavora su se stessi anche stando “fermi” a patto che la riflessione sia attiva.

Gli oli essenziali e i libri ci aiutano in mille modi a migliorare noi stessi. 
I primi, dal punto di vista psicologico potremmo dire che ci “addolciscono” la vita. Ci aiutano a “reggere” la disciplina e l’auto controllo necessari alla crescita senza produrre troppo stress. Ci consentono di unire il dovere al piacere creando così un bilanciamento profondo in noi. Stiamo facendo la “cosa giusta” e questo ci fa sentire molto bene pensando la nostro futuro, e la stiamo facendo in modo piacevole già nel qui e ora. 
Un cibo sano a cui sia stato aggiunto un olio essenziale diventa molto più piacevole.
Studiare o leggere un libro che “ci fa bene” perché ci da informazioni necessarie, vitali, perché ci apre la mente, può essere difficile all’inizio, quando ancora non siamo tanto abituati, e l’essenza giusta ci può aiutare molto a concentrarci. 

I libri non sono solo libri, spesso sono “la vita”, le esperienze, le sofferenze e le soluzioni che hanno permesso ad una persona di passare da una condizione di fragilità e impotenza ad una di forza. Sono un dono. 
Se mi chiedete quel’è la cosa più bella del mondo per me, farei molta fatica a rispondervi. Ma credo che la mia risposta comprenderebbe: cani e gatti, libri e essenziali di sicuro! 

Un libro che parla di oli essenziali è quindi una risorsa molto “particolare”, perchè ci aiuta a riflettere su noi stessi e dona anche informazioni utili a migliorare la vita “velocemente” con gli oli essenziali.
Questo è l’intento con cui ho scritto ogni mio libro.
Nel mio primo libro ho parlato di tante difficoltà che ho incontrato nel corso della mia crescita e di tutte le soluzioni che ho trovato per uscirne. Ma soprattutto della “testa” che ho dovuto avere per farcela. L’atteggiamento e le giuste informazioni (che puntualmente arrivano quando siamo nel giusto mindset) sono tutto. Non è ma il perfetto il nostro primo passo verso la soluzione. Anzi di solito è “brutto” e impacciato. Ma se noi non ci giudicheremo e ci accetteremo anche “non al top” allora poi ci arriveremo. Perché è la costanza che paga. Non la perfezione.

La prima citazione che trovate all’inizio del mio libro “Gli oli essenziali alla vita” è una delle verità più profonde che possano appartenere alla vita:

“ Affrontate le vostre limitazioni. Abbracciatele. Dominatele. Allontanate dalla vostra vita tutto ciò che vi impedisce di conoscere la totalità di Dio. Lasciate perdere i vostri sensi di colpa e i vostri giudizi e così verranno a voi la conoscenza, le risposte e la gioia Ramtha, Dio in te. The white book”

Quando dobbiamo addolcire la severità di qualcuno o di una situazione vi consiglio di usare le essenze estratte dalle scorze degli agrumi o DAI FIORI. 

Nella mia memoria la più dolce e affettuosa delle mie nonne si chiamava Rosa. E io le dicevo che si chiamava così perché era profumata come una rosa, ma glielo dicevo solo perché lei rideva. Era contenta di quel complimento. In realtà aveva un buon profumo ma era più di torta semmai che non si rosa. Tant’è che nella mia memoria ancestrale i fiori, la rosa in particolare, la “regina” dei fiori, si sono collegate anche alla dolcezza di mia nonna. E quando devo rendere meno “dura” una situazione gli oli essenziali estratti dai fiori sono molto MOLTO utili.

Ne ho parlato in una sezione del mio ultimo libro “Mente essenziale”. 

Tra le mie essenze floreali preferite che ritengo più utili ad attenuare la severità degli eventi “avversi” attorno a noi: Ylang ylang, Rosa, Lavanda e Geranio. Bilanciano, rasserenano, donano pace e senso di armonia. Molto utili al bilanciamento ormonale femminile. Aiutano a sentirsi in contatto con l’energia della “cura” e del “sacro”.
 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Potrebbero anche piacerti

Lascia un commento