Oli essenziali, estate e cibo crudo

L’estate, per la medicina Tradizionale Cinese, è la “stagione yang” per eccellenza, la stagione che più di tutte ci porta all’azione, al movimento, allo spostamento, all’apertura e allo “scoprirci”. 

E’ un periodo dell’anno in cui “difendersi” dall’aggressione della temperatura esterna è più difficile, non basta scoprirsi. Dobbiamo sostenere il nostro corpo affinché possa reggere l’eccesso di calore. In estate bisogna supportare il nostro benessere come non mai. Il corpo ha bisogno di molte risorse: acqua innanzitutto, Sali minerali, vitamine ed enzimi. Ha bisogno anche che siamo “strategici”. Dobbiamo trovare tante piccole sane abitudini per non lasciarci sopraffare dalla pesantezza, dal torpore, da quell’eccesso di sonnolenza che a volte ci impedisce di muoverci. Di fare ciò che vorremmo e dovremmo. 

Entrambe le mie nonne possedevano quella meravigliosa arte della cura di se e dell’ambiente che fin da piccola mi ha sempre fatto percepire la possibilità di “cavarsela” in ogni situazione, avendo alcune semplici conoscenze/intuizioni. Ricordo la sapiente disposizioni di persiane, vetri e porte semi-chiuse nella casa del mare in cui vivevano i genitori di mia madre. Mia nonna aveva appreso un modo preciso grazie al quale riusciva a creare anche nelle ore più calde una lieve corrente che manteneva in casa una lieve brezza che consentiva di sopportare benissimo il calore. Non serviva nemmeno il ventilatore essendo al mare. Ricordo anche che metteva i tessuti leggeri sui divani e sulle poltrone per non far sudare. La luce non era mai troppa e la pace del silenzio contribuiva a sentirsi distesi, leggeri e non sopraffatti dal clima esterno. 

Acqua, limone e ghiaccio era una “bevanda” semplicissima ma che dava molto sollievo soprattutto dopo la spiaggia. I pomodori non mancavano quasi mai e anche il melone era quasi quotidiano. 

Oggi sono felice di aver preso fin da piccole sane abitudini e faccio di tutto per continuare ad ampliarle e far si che le persone che mi seguono possano fare altrettanto. 

Amore per se significa riprender contatto con la natura ed interiorizzarne i ritmi e la saggezza intrinseca. 

Gli oli essenziali sono l’esaltazione del potere della natura. La sua massima espressione. In estate più che mai ci aiutano a fronteggiarne gli estremi. Ci aiutano a risollevare la pressione, a mantenere ossigenati i tessuti, a donarci antiossidanti, ad ampliare il potere del respiro, a favorire l’assunzione di liquidi, a drenare i tessuti e così a sostenere in molte altre funzioni il nostro corpo. 

Come possiamo utilizzarli al meglio? Sicuramente l’estate è il momento in cui sfruttare le essenze aromatiche in ognuna delle tre modalità tipiche dell’Aromaterapia: in diffusione ambientale, sul derma e inerna. Sulla pelle possono aiutarci a tenerla idratata (con l’olio essenziale di Lavanda per esempio) e fresca (con l’olio essenziale di menta Piperita o Menta Spicata). Io suggerisco spesso nei miei seminari la composizione di roll-on (sia idratanti e dopo-sole, sia repellenti per insetti). Nel mio seminario “Oli essenziali in vacanza” ne ho parlato approfonditamente. Gli oli essenziali, soprattutto quando viaggiamo, ci donano delle opportunità di “problem-solving” veloci ed incredibilmente efficaci.

In estate è importantissimo bere acqua e se aggiungeremo degli oli essenziali (biologici, edibili e di buona qualità) in poche gocce alla nostra bottiglia ne trarremo un grande beneficio. E bere sarà molto più semplice. ne avremo voglia molto più spesso. Fate attenzione a che la vostra bottiglia sia possibilmente in vetro o acciaio, mai in plastica perché gli oli essenziali sono ottimi con tutto ciò che è di origine animale ma sono “pessimi amici” di tutte le sostanze petrol-derivate e chimiche. Come spiego nel mio seminario “Oli essenziali e Detox”.

Nel cibo e nelle bevande ci donano molte risorse assieme all’esaltazione del gusto per il nostro palato. Una combinazione di enorme valore per noi. In questo articolo vi regalo una variante di una ricetta che abbiamo inserito nel ricettario “L’essenza delle stagioni” in omaggio a chi si iscrive al mio abbonamento di seminari mensili “Aromy” ed entra così nella community.

In questa ricetta di Laura Cuccato vi consiglio di provare l’Avocado con l’aggiunta di Olio essenziale di Coriandolo o in alternativa se non doveste trovarlo, quello di Arancio. Possono essere messi anche assieme in realtà… stanno benissimo…

N.B. Fondamentale che l’olio essenziale sia di origine biologica, oltre che completamente naturale, e di qualità edibile.

Ricetta di Laura Cuccato: “Insalata di avocado con OE di Cardamomo o Arancio”

Ingredienti per 4 persone:
2 avocadi media grandezza
due manciate di olive verdi denocciolate
2 pomodoro media grandezza
2 cucchiai capperi sotto sale
1 goccia di OE di Cardamomo o Arancio in 30 ml di Olio Extravergine di Oliva
Succo di limone
Sale e Pepe q.b.

Procedimento
Metti a bagno i capperi.
Taglia a tocchetti gli avocado.
Affetta le olive.
Sbuccia il pomodoro, privalo dei semi taglialo a tocchetti.
Scola i capperi e tagliali in 4.
Metti tutto in una terrina, condisci con Olio, succo di limine, OE di Arancio o Cardamomo (1 goccia in 30 ml di olio EVO), sale e pepe.
Mescola bene, impiatta aiutandoti con un coppa-pasta.

cos

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Potrebbero anche piacerti

Lascia un commento